lunedì 28 novembre 2016

Il futuro dell'Atac secondo Fantasia

Commissione Trasparenza si parla di Atac: parla Manuel Fantasia: Il piano industriale è in fase di elaborazione - Utilizzeremo la leva tecnologica per incrementare gli incassi di bigliettazione - Rafforzeremo la lotta all'evasione - Le cose vanno male per colpa della totale disattenzione da parte dell' azionista, Roma Capitale - No mettere il bigliettaio sui mezzi - Io sono come un camaleonte, ho gli occhi che guardano a 360 - non sono la persona che parla dopo la chiusura della commissione, se volete ci rivediamo. Amen


Da #DirettamenteRoma

E siamo pronti in Trasparenza per l'audizione di Manuel Fantasia, amministratore Atac

Marco Palumbo da la parola a Manuel Fantasia che chiede di quali temi è convocato a parlare.

Palumbo propone: iniziamo dal piano industriale.

Fantasia: è in fase di elaborazione e dovrà contenere discontinuità con il precedente per nuove iniziative che abbiamo in campo e nuove condivisioni che ha fatto il Comune. Il Comune ha rivisitato il piano di dismissione dei beni di Atac non strumentali alle attività di Atac. Ci aspettiamo liquidità e cassa a valere sugli anni 2018 e 2019, un flusso di significativo impatto che ridurrà le nostre richieste di investimento.

Passiamo da sei immobili messi in dismissione, a un piano che dismettera l'intero patrimonio non strumentale. Utilizzeremo la leva tecnologica per incrementare gli incassi di bigliettazione; ridurremo costi di tornelli e bigliettatrici con particolare attenzione alla componente elettromeccanica. Avremo titoli di viaggio più agili, sparirà il titolo a banda magnetica, avremo titoli con chip su plastica

Rafforzeremo la lotta all'evasione con potenziamento dei verificatori . Ai 160 verificatori affiancheremo a tempo parziale lavoratori che fanno altro. Incrementeremo, tramite riqualificazioni interne, le forze stabili dell'area della verifica. Non aumenteremo le sanzioni ma tramite al piano industriale aumenteremo i ricavi. Aumenteremo il co-marketing, mettendo più pubblicità o utilizzeremo gli spazi in modo migliore. Attualmente abbiamo 10-12 mln di euro di ricavi in pubblicità.

Correggeremo due storture di Atac: primo, la distribuzione sul territorio Delle risorse manutentive, porteremo dal centro alla periferia i centri dirigenziali e del personale, mentre la manutenzione sarà portata dalla periferia al centro. Atac ha 18 impianti e in nessuno di essi ad oggi c'è un presidio dirigenziale. Cambieremo questa cosa perché è contraria a qualsiasi best practice.

Saranno reinternalizzate tutte le attività di core business di Atac che abbiamo esternalizzato nel corso degli anni. Ad esempio abbiamo reinternalizzato il full service gomme, e abbiamo fatto in modo di evitare l'aggiudicazione di una gara che ci siamo trovati sul tavolo. Attualmente acquistiamo le gomme che ci servono con gare sottosoglia, in piena Trasparenza e in collaborazione con Anac

Queste esternalizzazioni sono state scellerate, hanno aumentato i costi e hanno mortificato risorse umane interne, hanno fatto perdere possibilità di crescita professionale e hanno messo i lavoratori di Atac nella condizione di non sapere per quale azienda stiano lavorando.

Conclude il suo intervento Manuel Fantasia, a.u. di Atac.

Figliomeni, fratelli d'Italia, chiede: cosa stiamo facendo per l'evasione ai tornelli e per evitare che saltino corse per mezzi rotti.

Fantasia: Atac non riceve fondi di investimento dal 2013, gli ultimi stanziamenti la gestione commissariale li ha cancellati. I nostri autobus hanno 12 anni di età media, peraltro percorsi sui sampietrini. Al mio paese si dice che non si fanno le nozze coi fichi secchi e ad oggi è quello che viene chiesto ad Atac, per colpa della totale disattenzione da parte dell' azionista, Roma Capitale

Due: mettere il bigliettaio sui mezzi significherebbe aumentare considerevolmente il costo del lavoro e comunque, ammesso che ci fossero questi soldi, significherebbe rallentare la velocità commerciale perché aumenterebbe il tempo di incarrozzamento. Io credo che la leva è aumentare il numero di verificatori e usarli a campagna specifica su x linee, su altre e sulle linee metro. È allo studio la doppia timbratura sulle metropolitane. Dobbiamo evitare di recuperare l'evasione spendendo più soldi.

Marco Palumbo chiede conto dei mezzi andati a fuoco , ci sono delle commissioni di inchiesta: che risultato hanno offerto?

Fantasia: stiamo mettendo mano agli alternatori e ai manicotti nuovi, se mi si chiede perché non è stato fatto in precedenza non so dire. 

Palumbo: c'è un inchiesta su questo, a noi è molto chiaro quale sia il punto.

Si sta parlando dello stato del debito di Atac; la consigliera Monica Montella (5s) prende posizione in maniera abbastanza netta: "va bene reinternalizzare i core business, ma mettete sotto controllo anche i centri di costo" 

Fantasia: "io sono come un camaleonte, ho gli occhi che guardano a 360°. Stiamo per bandire le gare per la pulizia che saranno al miglior prezzo

Presa di posizione netta da parte di Fantasia sulla privatizzazione, almeno parziale di Atac: non ci occorre un partner industriale, almeno fino a che ci sono io ovvero fino alla fine del 2017. Se si verificheranno alcune condizioni saremo in condizione di stare sulle nostre gambe
E con queste parole si conclude l'audizione dell'ingegner Manuel Fantasia in Trasparenza. 

Palumbo (pd) prova a sollevare altri dubbi, Fantasia: "non sono la persona che parla dopo la chiusura della commissione, se volete ci rivediamo". 

Palumbo si altera e tutti escono dalla commissione

Seduta fatta di staffilate quella di oggi, 

Nessun commento :

.

.