sabato 12 novembre 2016

I primi scarabocchi a Tor di Valle

Era stata ultimata da poco ed è già stata battezzata da un coglione di passaggio - Il nuovo sottopasso della Stazione di Tor di Valle è stata già imbrattata dal Bansky de noantri. Riflettiamo: ma cosa si può fare per far capire a questi fenomeni che le cose comuni non sono terra di nessuno, quando anche Atac è più interessata a come ci relazioniamo con lei?



Lunedì mattina era stato aperto il sottopasso della stazione di Tor di Valle, primo segno tangibile dei lavori nella stazione, oggi (sabato) il muro è già stato battezzato dal primo coglione di passaggio.

La cosa è stata segnalata ad InfoAtac che forse perchè non ha compreso il problema, o forse perchè pocop interessata ha dato una risposta un pò del cazzo.



Per fortuna i pendolari, almeno, non si sono abituati a questo schifo e si sono rotti di tollerare questa totale mancanza di rispetto per noi (che è anche per Atac), ma pare che Atac non sia interessata, poichè per ovviare a queste cose, oltre ad un pò di cultura della cosa pubblica, servono telecamere e non solo per i writers ma anche per questioni di sicurezza.

Ma li non c'è nemmeno la telecamera

Era il 24 ottobre e poco più in la al deposito di Magliana c'erano Writers in azione

Un ultimo pensiero all artista del capolavoro: Bansky, Haring e Warhol sono un'altra cosa. Studiateli e poi riprova. Cosi sei solo un poveraccio.

Se ti è piaciuto questo post la newsletter ti farà impazzire. Rimaniamo in contatto. Iscriviti a “Il Treno dei Dannati”.

Nessun commento :

.

.