domenica 14 giugno 2015

Se vendessi un prodotto come questo, qualcuno lo comprerebbe?

Cosa ti viene in mente guardando la foto di questo mezzo di trasporto  (non rieco a chiamarlo treno) offerto da Atac ai propri utenti nella tratta Roma-Lido? Su, dai la prima cosa, coraggio prendi la tastiera e scrivi di getto...



Qualche giorno fa in una discussione su Twitter RomaSurvivor non era d'accordo sul chiamare la Roma-Lido, la Roma-Giardinetti o la Roma-Nord "Trenino", perché con trenino si identificano i giochi per i bambini e non mezzi di trasporto...

Ma se non è un gioco per bambini allora Atac cosa è? Una gestione, che al di là di Marino ed Improta - che sono solo gli ultimi in ordine di tempo ad aver fatto danni - sembra agli occhi di un ignorante cialtrone, quale sicuramente io sono, una presa per il culo.

Parlando solamente della Roma-Lido i 7 minuti, le nuove stazioni, la presenza di personale, le gite fuori porta delle commissioni e le tante balle che ciclicamente ci propinano, si schiantano contro la realtà delle cose.

Per esempio prendi la foto qui sopra, che ne pensi? Se tu vendessi un prodotto, uno qualsiasi, pensi che se fosse ridotto in queste condizioni qualcuno lo comprerebbe? 

Rispondi sinceramente pensi che ci sarebbe qualcuno disposto a "pagare" per questo?

Vorrei evitare però di essere frainteso, io il servizio lo pago. Sempre. Io pago il mio abbonamento e ne sono fiero, non mi sento affatto un coglione. Io seguo una regola: "Compro una cosa o fruisco di un servizio? Lo pago poi mi ci incazzo, senza pagare dovrei stare zitto, perchè sarei peggio di loro".

Riassumendo le prime cose che mi vengono in mente sono queste e chiunque sia disposto a metterci le mani dovrebbe investire non poco per invertire questa situazione...


Queste sono le stazioni che la Roma-Lido può offrire, per esempio Tor di Valle che è sicuramente messa peggio delle altre, ma non dimentichiamo Castel Fusano o Ostia Antica...
Anche nella stazione di Vitinia, che in confronto alle precedenti è un gioiello, non si campa bene: no scale mobili, no ascensori, no personale e non è un evento raro.
I treni rotti, in queste settimane sono sinceramente troppi, questo è l'ultimo caso venerdì scorso e questa la gente scesa dal treno aspettava con poca fiducia il successivo.
Un esempio di come sono ridotti i treni: cosa si vede da dentro uno dei convogli che è completamente ricoperto da graffiti. Come potete notare si può solo intravedere un pò di luce. Ma nulla più.
Stessa situazione in un altro treno, un altro esempio di come sono ridotti i treni, di come sono trattati da integerrimi cittadini e di quanto siano tenuti in considerazione (eufemismo sarcastico) dai proprietari. A me personalmente se mi riducessero la macchina così mi incazzerei, l'Atac pare di no.
Il servizio informazioni a volte sembra un servizio di propaganda, è quasi sempre tutto regolare, forse ci sarà qualche ritardo quando sulla linea ci sarà uno sbarco alieno. Ovviamente non addebitabile ai gestori. E' un peccato perchè @InfoAtac è l'unica cosa che funziona perfettamente.
Normalissimi viaggi a bordo dei treni, questo è uno degli ultimi, ma qualora aveste la bontà di seguire i vari post che raccontano le Voci dal Trenino, leggereste di come un manipolo di eroi urbani combattano quotidianamente per la sopravvivenza.

Io ho dato la mia opinione e purtroppo non ho alcuna soluzione in tasca, certamente per migliorare le cose basterebbe che la società che gestisce la Roma-Lido si impegnasse a "gestirla" e non lasciarla andare alla deriva. Che idea ti sei fatto su come si possa uscire da questa situazione?

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...