share Odissea Quotidiana: La linea della vergogna

La linea della vergogna


Manco a Calcutta! La Roma-Lido la domenica sera viaggia alla frequenza di un treno ogni 30-45 minuti, ciò significa 2 treni in linea. Per la gioia dei lavoratori, si si lavora anche domenica, anche se i gestori forse non lo sanno...




Mi piacerebbe informare i gestori di questa scalcinata linea che serve il municipio più grande e popoloso di Roma, che attorno alle 20.00 si è deciso di passare a frequenze da brividi: prima mezz'ora, poi 45 minuti.

Questo non è dovuto all'orario regolare che dice tutt'altro, ma, come si può vedere facilmente, da una rimodulazione che significa che in linea sono disponibili appena 2 treni, uno va verso Colombo ed uo torna verso Porta San Paolo.

Questo ovviamente per la gioia degli utenti che, magari dopo una giornata di lavoro, devono aspettare quasi un'ora per prendere un treno e finalmente tornare a casa.

Non ci credete?



Solo uno? A questo punto e mi rivolgo ai gestori, politici e non, sarebbe meglio chiuderla.

Gentili Virginia Raggi, Nicola Zingaretti (in conoscenza Linda Meleo) invece di litigare come ragazzini fra voi - con stuoli di tifosi che non sanno cosa tuittano, ma vi difendono o vi attaccano seguendo un copione -  o promettere futuri fantastici per i pendolari della Roma-Lido che ne dite di fare qualcosa?

Adesso intendo? 

E' possibile che sulla linea ci siano solo 2 (due) treni? Tanto vale chiuderla. O no? Risparmiamo almeno energia, tanto scommetto che le stazioni siano impresidiate.

Tre anni fa iniziammo così e finimmo con la Protezione Civile che distribuiva acqua nelle stazioni.

Credo che chiunque vi abbia messo lì (col voto intendo), lo abbia fatto anche per far funzionare queste cose, è vostra responsabilità.

Qualora vi interessasse qualcosa (naturalmente), vi vorrei informare che lo state facendo male.

Domattina noi saremo li per andare al lavoro, voi?




Vuoi muoverti meglio con il trasporto pubblico a Roma?
Rimani informato con il nostro canale Telegram
Roma Trasporti News


Nessun commento: