mercoledì 10 maggio 2017

La flotta Arlecchino di Roma

Atac e RomaTpl per scegliere i colori della flotta di superficie si sono ispirati alla famosa maschera bergamasca, Arlecchino. In effetti se si vanno a vedere le varie livree di bus e tram se ne contano ben 9 diverse. Andiamo a vederle - Gallery in fondo al post



Di TplRoma

Atac e RomaTpl per scegliere i colori della flotta di superficie si sono ispirati alla famosa maschera bergamasca, Arlecchino. In effetti se si vanno a vedere le varie livree di bus e tram se ne contano ben 9 diverse. Ogni giunta che acquistava nuovi bus, per differenziarsi dalle altre, decideva di cambiare il colore delle nuove vetture.

Si va da un blu caratteristico delle vetture extraurbane al rosso amaranto dei bus di nuova generazione. Non c’è mai stata la volontà di uniformare il colore della livrea di bus. Per esempio, se un bus con la livrea grigia con fascia amaranto, la più diffusa, deve essere riverniciato totalmente, lo si rivernicia nel colore originario e non nel colore rosso amaranto, la livrea più recente.

Fortunatamente gli ultimi bus approdati nella capitale, gli Urbanway, hanno ricevuto la stessa livrea dei precedenti, i Citelis.

Cerchiamo di vedere insieme svariate livree romane:
  • i tram sono caratterizzati da due diverse livree: i tram Socimi e Stanga, quelli di vecchia generazione, sono verniciati con una livrea bi-verde. Invece quelli di nuova generazione, i tram Cityway I e Cityway II, sono caratterizzati nella parte inferiore da una livrea verde con una fascia rosso amaranto, recante le scritte “Atac ROMA” e il numero della vettura, mentre nella parte superiore c’è un grigio metallizzato.
Per i bus la situazione si fa più complessa:
  • i bus del consorzio RomaTpl, essendo stata quasi interamente rinnovata la flotta, presentano una livrea grigia con una barra rosso amaranto. Inoltre sulla parte frontale e sul retro oltre al numero della vettura si trova il logo del consorzio;
  • Invece i bus di Atac hanno svariate livree; vi è la più recente, quella interamente rosso amaranto che caratterizza i bus Urbanway e Citelis sia da 12 che da 18 metri. Poi c’è la livrea grigia con fascia amaranto che caratterizza tutti i bus a metano, i nuovi filobus BMB Avancity+, alcuni bus corti, alcuni CityClass Cursor, i mezzi più vecchi in circolazione a Roma, e alcuni Citaro Urbani e Suburbani. Questa livrea si differenzia da quella della RomaTpl perché è di un grigio più chiaro. Inoltre i Citaro Interurbani, che circolano in zona Eur e ad Ostia, hanno una livrea celeste con una fascia di color argento. Poi i bus più vecchi e quelli che non hanno assunto una livrea più recente (alcuni CityClass Cursor e alcuni bus corti), hanno ancora la livrea originale che è caratterizzata dalla parte superiore ed inferiore in rosso chiaro e la parte centrale in grigio. Invece alcuni Citaro mantengono ancora una livrea grigio metallizzato con una strisca rosso chiaro nella parte inferiore. Inoltre i filobus Solaris-Ganz Trollino18 in servizio sulla linea 90 hanno una livrea verde nella parte inferiore e superiore, mentre la parte centrale è di colore bianco.
Uniformare le livree sarebbe una questione puramente estetica e date le risorse odierne comunque non è una priorità. Però bisognerà continuare ad acquistare i nuovi bus sempre dello stesso colore dei precedenti, cioè il rosso amaranto, per avere una flotta più facilmente riconoscibile e identificabile

Gallery

 
 
 
 
 
 
 
 
 

2 commenti :

erpomata ha detto...

Io tornerei al verde anni 80

Anonimo ha detto...

Ma il problema è il colore? Il problema sono che i mezzi non passano! Anche nella vs. Milano, dove funziona solo la metro, pochi notturni e tagli continui a bus e tram, ci sono vari colori (Renato Seri).

.

.