martedì 2 maggio 2017

Provateci voi ad andare in bici sui mezzi pubblici!

Primi commenti (negativi) al post "biciclette gratis sulla rete del trasporto pubblico": Ecco un ottimo esempio di strabismo dell'Atac da un lato queste iniziative, dall'altro la condizione degli stalli di Porta San Paolo dove, tra l'altro, è vietata la sosta notturna. 
 
 
Appena pubblicato, ecco i primi commenti, negativi ovviamente, al post "biciclette gratis sulla rete del trasporto pubblico".
Ecco un ottimo esempio di strabismo dell'Atac. da un lato queste iniziative, dall'altro prevede un posteggio di biciclette dove a malapena ci possono entrare venti biciclette dove, beffa delle beffe, é esplicitamente vietata la sosta notturna delle bici (Porta San Paolo)
Quando hanno preso  in gestione il bike sharing che c'era in centro e che funzionava ottimamente con le sue 400 biciclette in una ventina di stalli, l'hanno fatto letteralmente morire nel giro di un anno.

 
Non è una novità ovviamente, abbiamo già parlato - e spesso - del problema delle biciclette sia a Porta San Paolo, che in altre stazioni non solo della Roma-Lido. Rinfreschiamoci la memoria, era il dicembre 2016: "Ciclo-pendolari sulla Roma-Lido. A Porta San Paolo c'è un'impietosa catasta di ferri arrugginiti, per non parlare del cartello "è vietato lo stazionamento notturno" (ma allora a che servono?), che in altre stazioni invece non solo è permesso, ma incentivato. Ma allora non è solo una questione di soldi e investimenti è una questione di metodo di lavoro, che sulla Lido pare sempre più a cazzo di cane".

 

Nessun commento :

.

.