martedì 28 giugno 2016

Non sparate su macchinista!

 
Seconda puntata, molto più "ufficiale" della prima, dopo non sparate sull'autista, ecco che arriva la comunicazione dei sindacati. Già questa mattina si erano avvertiti i primi litigi tra utenti e macchinisti della Roma-Lido, rei di non far funzionare i treni.
 
I Sindacati, per una volta tutti uniti, scrivono ad Atac, memori degli accadimenti di Luglio 2015.
 
Da questa mattina ne sto sentendo e leggendo di tutti i colori e vorrei che ognuno di voi o lasciando un commento qui sotto, oppure scrivendomi a iltrenoromalido@yahoo.it, mi desse la sua sensazione.
 
L'invito è sempre quello di mantenere moderazione nei comportamenti. Almeno io faccio così.  
 
Il comunicato
 
 

4 commenti :

Rosalba ha detto...

Questa mattina dopo il salto della corsa ho contattato via SMS atac chiedendo spiegazioni:
Anche questa mattina sono saltate corse per Roma da ostia. É mancanza di personale di treni o cosa? La situazione perdurerà? Devo abbandonare l.'idea dei mezzi pubblici e chiedere il rimborso di un abbonamento annuale usato pochissimo?
Questa la laconico risposta:
causa indisponiibilità di mezzi

Rosalba ha detto...

Mi chiedo come mai ho la sensazione che questi treni tendono a rompersi di più appena si chiudono le scuole.
Sarà vero? Perché allora non pubblicare la percentuale di mezzi circolanti giorno per giorno durante tutto l'anno? sarebbe un buon sistema per fugare ogni dubbio.

Andrea romalido ha detto...

No, per quanto ne so io tendono a rompersi quando fa caldo. I condizionatori non reggono ed i treni "svampano". Dopodichè è vero che finite le scuole l'orario muta leggermente, ma il problema della roma-lido sono i treni. Come sempre.
Il servizio customer care di Atac questo naturalmente non può dirlo, nel senso che rimangono su un generico "Treni indisponibili" e non possono scrivere Treni di merda. Purtroppo

Unknown ha detto...

Facciamo che allora d'estate l'abbonamento annuale non paga i 3 mesi, mi pare equo.
Che vergogna

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.

.