lunedì 16 maggio 2016

Svelati i rallentamenti della Roma-Lido

Qualche giorno fa abbiamo fatto mostrato un video nel quale si vedeva la Roma-Lido rallentava tra Ostia Antica ed Acilia e qui raccontiamo il motivo


Dopo qualche giorno, torniamo a parlare del rallentamento tra la stazione di Ostia Antica ed Acilia, per fare una doverosa precisazione sulla natura del rallentamento che vedete nel video.

Il rallentamento effettivamente c'è, ma non è dovuto ad alcun crollo, come potrebbe sembrare vedendo quelle travi di traverso che tengono fermo il ballast, semplicemente sono state sostituite le traverse della ferrovia e si sta aspettando di rincalzare il ballast con un macchinario apposito.


In questo caso non c'è alcun disservizio, né lavori fatti male, perché in quel tratto sotto al ballast c'è del cemento, quindi l'effetto combinato dovuto al passaggio dei treni sopra ed il cemento duro sotto comprime in maniera anomala sia il ballast, che le traverse, con l'ovvia conseguenza che entrambi durano meno rispetto ad un'altra parte della ferrovia.


Pubblicità - Appunti di un venditore di donne

Dopo aver letto i precedenti libri di Faletti, con sempre crescente ammirazione, ritengo che quest'ultimo sia davvero quello più brillante. Il mio giudizio forse potrà essere influenzato dall'ambientazione, finalmente tutta italiana della vicenda, ma sicuramente la narrazione mi è parsa più fluida e con meno fronzoli delle precedenti. Il solito incedere delle sue storie, dapprima lento e poi tumultuoso e viceversa, è di per sé un'attrattiva resa con molta maestria dallo scrittore. La storia poi, sono convinto, è stata "rimpolpata" dalla conoscenza diretta di luoghi e ambienti: credo proprio che Faletti abbia attinto all'archivio della sua vita o, quantomeno, abbia tratto ispirazione da realtà a lui ben note. E poi i "coup de théâtre" non mancano mai .... già dalle prime righe!!!! Insomma, un Faletti in forma super smagliante. Che dire più ..... acquistatelo e ... buona lettura!

Altri suggerimenti


Ti è piaciuto questo post? Restiamo in contatto, Iscriviti alla newsletter “Il Treno dei Dannati”.

Nessun commento :

.

.