domenica 15 maggio 2016

Liberi dai partiti!

Ricevo, pubblico e mi prendo la libertà di rispondere. Ieri ho ricevuto questa mail da parte di Paolo, che ha anche commentato direttamente sul blog, questa mail dove dissentiva dal post "L'irrefrenabile voglia di Atac", dove si parlava dell'interesse manifestato dalle Ferrovie dello Stato ad Atac ed in particolare alla Roma-Lido.


La mail

Caro Andrea,
dissento da quanto esposto! FS in ATAC se vince il PD...  altrimenti ci meritiamo quel che non abbiamo sulla Roma- Lido. Quanto è stato esposto è contro i principi e lo scopo per cui è nato il blog ... sembra pura demagogia per trovare proseliti PD alle prossime elezioni. 
Rientrare tra le righe e pubblicare notizie senza menzionare scenari apocalittici se alle elezioni vince un colore piuttosto di un altro. GRAZIE!


Rispondo molto volentieri in pubblico, così come ho risposto in privato

Una premessa indispensabile

Prima di tutto una premessa che ritengo indispensabile: chi scrive su questo blog - commenti a parte - ha le proprie idee politiche come è normale che sia, ma qui si cerca di raccontare il trasporto pubblico ed i viaggi di merda che facciamo quotidianamente non hanno colore politico.

Unica eccezione riguarda i commenti, dove, in maniera civile si può dire tutto (a parte intenzioni di voto).


Io voglio poter parlare con Esposito - come è successo quando era Assessore - e voglio poter parlare allo stesso modo con il prossimo (ammesso che lui/lei voglia parlare con me), anche se fosse di un partito diverso.


Per approfondire: Come è andato l’incontro con l’Assessore Esposito

Di cosa parlava il post sulle Ferrovie

Chiarito questo punto essenziale, passo a spiegare il contenuto dell'articolo in questione: qualche tempo fa l'AD di Ferrovie dello Stato ha espresso la volontà del gruppo da lui gestito di entrare  nella gestione di Atac - acquistandola - ed anche di ottenere la concessione per la Roma-Lido - cosa confermata da Zingaretti più volte.

Per approfondire: Zingaretti e la "Svolta Storica"

Il post in questione non aveva nulla di politico a mio avviso, ma solo una constatazione dato che il Candidato Sindaco del Movimento 5 stelle ha escluso la privatizzazione, è ovvio che in caso di sua vittoria, la strada che porta a FS ed alla trasformazione in metropolitana della linea, sarà difficilmente percorribile.




La Roma-Lido come metropolitana?

Quello che può trarre in inganno, forse, è prorpio questo fatto della Roma-Lido come metropolitana.
Ma siamo sicuri che sia una cosa buona? Soprattutto a breve termine?

Io no.

La Roma- Lido non ha nulla di metropolitana: non ha il bacino di utenti prima di tutto,  ma non ha gli impianti elettrici che garantiscano un'adeguata potenza, non ha le stazioni (ricordo che le stazioni della metro devono essere distanziate di circa 1 km)

Il mio parere, che non è un segreto, e che tra l'altro, ho anche condiviso con un Candidato al Consiglio Comunale di parere diametralmente opposto al mio, è quello di potenziare il più possibile il servizio, per arrivare ai famosi 7 minuti e mezzo di Marino, che non erano numeri campati in aria, ma frutto di uno studio preciso.

Per approfondire: Romalido ogni 7 minuti secondo l'assessore Improta. In quale realtà parallela?

Ma i treni devono andare veramente ogni 7 minuti e mezzo e devono funzionare, qui io farei gli investimenti. Guardiamo come va in questo periodo con le frequenze a 10 minuti.

Infine, una volta ( magari tra anni) saturata la domanda e i posto disponibili sui treni e svuotata la Via Ostiense, potremo riparlare di frequenze minori e di metropolitane.

Ma non un minuto prima.

Per approfondire: #MetroForDummies: Il Futuro ha inizio

Ti è piaciuto questo post? Restiamo in contatto, Iscriviti alla newsletter “Il Treno dei Dannati”.

Nessun commento :

.

.