martedì 2 febbraio 2016

Fassina: "Vinciamo ora la sfida della Roma-Lido e della metro C"


Cominciano le dichiarazioni dei vari candidati al Campidoglio e, tra le tante cose, non può mancare il Trasporto pubblico. E quando si parla di disagio nel trasporto pubblico, come non citare la Roma-Lido. Infatti ecco qui le dichiarazioni di Fassina riguardo le Olimpiadi e la Roma-Lido. Quello che manca sempre è il come si intende mettere mano alla situazione.
 

Roma, 2 feb. (askanews) - "Siamo favorevoli alle Olimpiadi. Ma vogliamo ricordare a tutti, a partire dell'ineffabile Montezemolo, che a Roma vediamo ancora i cadaveri di cemento lasciati dai Mondiali di nuoto. E che ancora paghiamo i debiti dei Mondiali del '90. La stazione di Farneto è costata 15 miliardi di lire per restare aperta quattro giorni. Questo non lo vogliamo più". Lo ha detto Stefano Fassina, candidato sindaco di Roma, parlando alla Camera nella dichiarazione di voto sulla mozione di cui è primo firmatario per chiedere un referendum consultivo a Roma sulle Olimpiadi.

"Chiediamo di far svolgere il referendum per scegliere tra Olimpiadi e mobilità sostenibile, per riqualificare le periferie. Per dare sostegno al lavoro, agli imprenditori, agli artigiani, alle imprese edilizie. Per scegliere tra Olimpiadi e invece la costruzione in ogni municipio di impianti sportivi decenti - ha aggiunto Fassina -. Per il riscatto di Roma e dell'Italia non possiamo attendere il 2024. 

Vinciamo ora la sfida della Roma-Lido, della metro C. Vinciamo ora la sfida della mobilità dei cittadini di Ponte di Nona, costretti a pagare un pedaggio per andare a lavorare. 

Chiediamo al Governo di presentare un piano economico e finanziario e di attendere il referendum dei romani".

Nessun commento :

.

.