venerdì 20 novembre 2015

Pochi disagi e non molto da segnalare?



_RedDivine_

Qualche giorno fa, in un’' impeto di immotivato ottimismo,  avevo iniziato una newsletter con le parole “Pochi disagi, non molto da segnalare e puntualmente Paolo mi ha riportato con i piedi per terra: “Pochi disagi e non molto da segnalare??!!”. Molto probabilmente ha ragione lui, vediamo perchè:

In realtà il semplice fatto che quotidianamente devo consultare il sito dell'atac per vedere pubblicato l'orario del giorno o meglio ancora della frazione di giorno, già questo di per se è il primo dei disagi o meglio è il PRIMO GRANDE DISAGIO!!!

newsletterChe quotidianamente vivo per accompagnare prima i miei figli a scuola entro le 08:00 e poi per arrivare al lavoro entro le 09:00...

Quel che scrivi mi fa pensare che il pendolare si sta abituando al peggio?

Ovvero, gli orari in vigore che sono stati resi pubblici hanno il puro scopo di riempimento di spazi e il servizio pubblico è così che funziona?!

Ci si alza, si consulta il sito per vedere a che ora è previsto il passaggio dei treni nelle prossime due ore o poco più ... e poi se il pomeriggio si ha un impegno, si aspetta durante la giornata di vedere pubblicati gli orari delle successive ore ed in base a quelle ci si organizza il rientro verso l'appuntamento???!!!

Oppure si prendono tre ore di permesso nella speranza di arrivare puntuale alla visita medica o piuttosto a dare il cambio alla moglie per fare in modo che lei turnista raggiunga il posto di lavoro in orario ... nella speranza che al rientro trovi una corsa utile che nonPunk14bz ricada in orari da lupi ...

Devono ripristinare il rispetto degli orari che hanno reso pubblici!

Voglio consultare il sito dell'atac e trovare "REGOLARE" sullo stato del servizio così come lo vedo per le altre linee metropolitane!!!

Se questo non è possibile allora il costo dell'abbonamento di quest'anno è stato una truffa in quanto non è stato garantito quanto comunicato.

C'è chi scrive sul blog odissea quotidiana: "Diario di un utente della linea Roma-Lido distrutto dalla vita (in metro), ma sempre fiducioso"

Io la invece dico "Inferno - Canto III": lasciate ogni speranza voi ch'entrate ... sulla Roma- Lido

Paolo. Un abbonato, deluso e sfiduciato ma mai distrutto


Ti è piaciuto questo post? Restiamo in contatto, Iscriviti alla newsletter “Il Treno dei Dannati.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.

.