giovedì 6 agosto 2015

Sciopero venerdì 7 agosto 2015



Purtroppo la mediazione del Prefetto questa volta non è stata sufficiente, domani ci sarà lo sciopero di 4 ore proclamato dal Sindacato USB che colpirà quello che resta degli utenti di Atac, sia autobus, che metropolitane che ferrovie concesse. Quanto non sia inutile e dannoso questo sciopero è inutile che lo dica, posso solo sperare che i lavoratori siano più responsabili dei loro dirigenti sindacali. Vi ricordo che pur finendo alle 12.30, i mezzi non saranno disponibili se non dopo minimo un’ora, per sapere perchè avevamo realizzato un post di spiegazione su #MetroForDummies.

sciopero_trasporti

Avverti con un tweet i tuoi amici


Da RomaToday

Per la giornata di venerdì 7 agosto il sindacato Usb ha proclamato quattro ore di sciopero, dalle 8,30 alle 12,30. La protesta potrebbe interessare bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Viterbo e Termini-Centocelle. Sempre venerdì 7 agosto possibili disagi anche sulle linee di bus periferiche, gestite dalla società Roma Tpl, per lo sciopero di 4 ore, dalle 8,30 alle 12,30, indetto dai sindacati Cgil, Cisl e Uil.

I MOTIVI DELLA PROTESTA - A spiegare i motivi della proclamazione dello sciopero a RomaToday lo scorso 27 luglio il sindacalista dell'Usb Michele Frullo: “Scioperiamo perché la campagna di criminalizzazione dei dipendenti Atac è sotto gli occhi di tutti ed è ora di dire basta - le sue parole".

Diversi i punti nel mirino della protesta: “Il Piano industriale di Atac, l'accordo firmato lo scorso 17 luglio con Cgil, Cisl e Uil che stabilisce nuovi carichi di lavoro. E infine la sicurezza”. Continuava Frullo: “Abbiamo più volte denunciato come il manuale dell'autista prevede alcuni punti che sono in netto contrasto con il codice della strada.

Tra questi per esempio il cosiddetto blocca porta, quel dispositivo che non permette al mezzo di partire in presenza di una porta rotta e gli indicatori di direzione e gli stop. Il tutto senza considerare che il conducente è responsabile di quanto accade. Se per colpa di uno stop che non funziona si verifica un tamponamento, è l'autista il responsabile. Così come per le porte che non si chiudono: se un autista parte con la porta aperta rischia il licenziamento, se non parte il linciaggio. Tutto questo peggiora la sicurezza di tutti”.

 


Ti è piaciuto questo post? Restiamo in contatto, Iscriviti alla newsletter “Il Treno dei Dannati.

4 commenti :

Mario Pulimanti ha detto...

Sarebbe giusto licenziare i dipendenti scansafatiche dell'Atac (soprattutto quelli arrogantissimi della Roma-Lido) ed al loro posto assumere i moltissimi giovani che sono disoccupati.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
@iltrenoromalido ha detto...

Oddio scusami ho sbagliato a cliccare, i complimenti erano rivolti a me?

@iltrenoromalido ha detto...

Oddio scusami ho sbagliato a cliccare, i complimenti erano rivolti a me?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...