domenica 1 febbraio 2015

#MetroForDummies: i migliori treni della nostra vita – le MA300

copertina_MA

I treni CAF o MA300 sono entrati in servizio tra il 2005 e il 2006, in sostituzione degli MA100 e MA200. Nel 2007, a causa della pochezza di materiale rotabile, alcuni CAF sono stati letteralmente spostati sulla Roma – Lido e ad oggi rappresentano l’unica gioia per i pendolari della tratta.

Al primo ordine di 45 convogli, sono stati aggiunti nel 2009 altri 8 treni dedicati alla metro B ma chiamati, curiosamente, sempre MA300. Avendo dimostrato negli anni grande affidabilità, sono stati di recente acquistati e consegnati altri ulteriori 18 treni, detti MB400 o CAF di 2° generazione, ma di questo ne parleremo prossimamente.

Quindi i convogli MA300 sono così suddivisi in: 39 per la metro A, 6 per la Roma Lido, 8 per la metro B.

Descrizione e caratteristiche tecniche:

Il treno è costituito da due rimorchiate pilota (Rp) con pantografo e quattro carrozze intermedie motrici (M). Le carrozze sono assemblate in due unità di trazione simmetriche, composte da due motrici e una testata rimorchiata ognuna, funzionanti in modo indipendente tra loro ed in grado di soccorrersi reciprocamente in caso di guasti.

La composizione in sintesi è Rp+M+M+M+M+Rp.

schema

Ogni UdT (non sai cosa sia? Ripassa qui) è denominata MA300 con un numero progressivo. La rimorchiata assume il numero RA300.0, la prima motrice MA300.1, la seconda motrice MA300.2. Per chiarire il discorso usiamo un esempio pratico:

Qui in foto abbiamo il treno composto dalle UdT 399 e 400. In particolare, poiché la carrozza è la MA400.1, sappiamo che essa è la prima motrice. Si tratta del secondo o del quarto vagone, a seconda del verso in cui viaggia.

L'intero convoglio è "a salone", e non vi sono suddivisioni tra le carrozze né stretti passaggi intercomunicanti.

Ogni carrozza può ospitare per 38 passeggeri seduti e 168 in piedi, mentre le due testate possono alloggiare 160 passeggeri in piedi, 32 seduti e due disabili ognuna, per un totale di 1212 posti sul convoglio.

Il treno è dotato di autodiagnostica e comunicazione terra-treno, di un sistema Train Stop, di blocco automatico in caso di divisione del convoglio e del tradizionale dispositivo dell’”uomo morto” per il controllo dell'attenzione del macchinista.

Ad oggi sulla metro A sono in servizio 37 mezzi (33 nelle ora di punta più 4 riserve). Due casse pilota sono andate distrutte dopo l’incidente a piazza Vittorio Emanuele e attualmente sono in ricostruzione presso il deposito officina Osteria del Curato. Una terza pilota ha subito l’impatto con un palo di fondazione della nuova stazione della ferrovia Roma Nord.

Anche sulla Roma – Lido, in seguito ad un incidente, una cassa pilota ha dei subito danni ed attualmente non è utilizzabile.

incidente


#MetroForDummies è una rubrica periodica creata da @iltrenoromalido e @treninoblu che tenta in maniera semplice di spiegare tutto ciò che attiene al mondo metro, in modo da far capire alla maggior parte degli utenti la complessità che ogni mattina affrontano.
Lo scopo principale è che la conoscenza e l’informazione rendano gli utenti più pazienti.

Metro

Se vuoi puoi rileggere tutti gli articoli di #Metro4Dummies, clicca qui. Buona lettura!

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.

.