domenica 18 gennaio 2015

#MetroForDummies un salto nel passato – parte seconda

Perché la Termini-Lido, che aveva rivoluzionato il sistema dei trasporti nel quadrante sud della città fu chiusa? Quali impedimenti tecnici ne impediscono adesso la ricostruzione? E cosa si potrebbe (in linea teorica) fare adesso?

copertina2

[Prima parte - Concepimento e apertura e caratteristiche della Termini-Lido]

Cause della chiusura e caratteristiche tecniche che impediscono la riapertura

Il servizio Termini-Lido, inaugurato nel 1956, era molto apprezzato, soprattutto durante la stagione estiva, ha visto la sua fine nel 1990 contestualmente all’attivazione del prolungamento della linea B Termini – Rebibbia.

È necessario sapere che dal 1984 erano stati avviati, contemporaneamente allo scavo della tratta Termini – Rebibbia, lavori di rifacimento degli impianti civili ed elettroferroviari della già esistente tratta Termini – Laurentina.

mr1 In particolare le gallerie del nuovo tratto vennero costruite con una sagoma più piccola rispetto a quelle della vecchia tratta; venne perciò mutata anche la sagoma limite della linea B da tipo FS a tipo metropolitano (2950 mm).

Questo inconveniente, che all’occhio del non esperto potrebbe sembrare ininfluente, è il motivo per il quale il servizio Termini – Lido non esiste più. È infatti impossibile che un treno della Roma – Lido possa viaggiare nelle strette gallerie della Termini – Rebibbia e, viceversa, che un treno della metro B possa percorrere la direttissima per Ostia: i convogli non riuscirebbero a raggiungere la linea aerea.

Per questi motivi nel 1990 sulla metro B tutti i treni circolanti sono stati dismessi e sono stati acquistati gli MB 100/300, ancora oggi in servizio.

Poiché i convogli della Roma – Lido sono tutti di tipo metropolitano, per colmare la differenza di sagoma sono stati rialzati i pantografi e installati dei gradini per facilitare l’accesso ai viaggiatori.

La trasformazione della Roma – Lido in metropolitana potrebbe, portando la ferrovia agli standard della metro B, offrire spunto per nuovi collegamenti come una linea “B2” Ostia – Conca d’oro, ma come già scritto in questa rubrica, questa trasformazione sarebbe molto complicata.

 

Hai delle ulteriori curiosità, oppure dei ricordi della Termini Lido da condividere con noi? Non esitare, scrivici, racconta la tua storia


#MetroForDummies è una rubrica periodica creata da @iltrenoromalido e @treninoblu che tenta in maniera semplice di spiegare tutto ciò che attiene al mondo metro, in modo da far capire alla maggior parte degli utenti la complessità che ogni mattina affrontano.
Lo scopo principale è che la conoscenza e l’informazione rendano gli utenti più pazienti.

Metro

Se vuoi puoi rileggere tutti gli articoli di #Metro4Dummies, clicca qui. Buona lettura!

3 commenti :

Ilmondodetreni.it ha detto...

No, le cose non stanno esattamente come le avete raccontate. Intanto, prima della guerra la tensione della Lido era più alta, a 2400 V CC. Avete romanzato tantissimo anche sulle caratteristiche tecniche: l'attuale Metro B doveva essere una Ferrovia a tutti gli effetti (anche perché all'epoca non esisteva in Italia una vera metropolitana, a parte il passante FS di Napoli) con tanto di scalo merci all'attuale stazione di Laurentina (era previsto di portare anche i materiali necessari per l'E42 via ferrovia). Solo che i lavori vennero sospesi per la guerra. In fase di ricostruzione la tensione fu abbassata a 1500 V CC in quanto la SSE di Acilia era stata fatta saltare in aria dai tedeschi, e la STEFER dovette ricorrere a delle apparecchiature provenienti dalla Roma - Fiuggi (che aveva tensione a 1650 CC) . La Metro B non è mai stata considerata 2ferrovia urbana" ,tanto meno la Lido. Sui regolamenti era indicata come Ferrovia Metropolitana (intendo l'attuale Linea B). Inoltre la metro B apre nel 1955, non nel 1956, la data di inizio dei collegamenti diretti ora non ce l'ho sotto mano, ma considerate che inizialmente il servizio era limitato a Castel Fusano. Infine la sagoma limite della Lido non è propriamente quella FS ma è leggermente inferiore. Infine, la Metro B venne elettrificata a 1500 V CC in quanto sfruttarono la SSe Mercati (che è l'unica in comune) , l'altra SSE mi sembra fosse a Circo Massimo (ma devo verificare, non ricordo se lì o a Colosseo, opterei più per Colosseo)

Ilmondodeitreni.it ha detto...

Altre favolette / imprecisioni: il prolungamento della Metro B venne realizzato secondo i nuovi standard per le metropolitane. Non solo per l'altezza della linea aerea sul pdf ma anche per la presenza delle banchinette di servizio nelle gallerie, non presenti nelle vecchie gallerie della Metro B in quanto all'epoca considerata ferrovia. In conseguenza successivamente viene esteso il divieto di circolazione per MR100/200/300 . Le MR500 erano invece state pensate per la Linea B e successivamente riadattate. In realtà il servizio diretto cessa nel 1989, con la chiusura per lavori di Porta San Paolo e della tratta Porta San Paolo - Magliana. Anche qui è tutto scritto nelle raccolte degli Ordini di Servizio e nel futuro ebook sulla Lido.

@iltrenoromalido ha detto...

Caro IlMondoDeiTreni,
la rubrica nasce per informare e divulgare un pubblico non propriamente interessato a studiare nel profondo l'argomento "metropolitane".

Pertanto alcune informazioni nei nostri articoli, in questo caso la tensione originaria della Lido a 2400 Vcc che, saprà meglio di noi, si voleva portare a 3000 per unificarla alle FS e la precisa misura della sagoma limite, sono volutamente omesse per snellire la trattazione.

Altresì non è stata sottolineata la distinzione tra la dicitura "ferrovia urbana"e "ferrovia metropolitana". Se volesse sottoporci la differenza di termini, a nostro avviso quasi sinonimi, saremo ben lieti di ascoltarla e apprenderla.

Ci teniamo inoltre a dirle che all'apertura la metro B era alimentata usando 4 SSE:
Clementina
Circo Massimo
Mercati generali
Magliana

Sappiamo infine benissimo che la metro B ha aperto il 9 febbraio 1955 ma, poichè stiamo parlando del servizio Termini - Lido, è ovvio riferirsi in questo articolo alla sua data di attivazione: il 1956.

Sempre a scopo divulgativo, stiamo organizzando per l'8 febbraio un viaggio da Termini all'EUR.

Saremo ben lieti di averla nostro ospite e accetteremo qualsiasi commento volto al miglioramento dell'informazione e non volte a stroncare l'iniziativa.

E, siamo certi, ci perdonerà se lo faremo l'8 febbraio e non il 9, ma il lunedì è lavorativo e noi vorremmo avere più persone possibili per goderci la nostra città con una bella passeggiata.

Noi comunque siamo aperti a tutti i contributi, più siamo (e con competenze diverse) e più cose possiamo condividere.

@iltrenoromalido
@Treninoblu

.

.