martedì 29 luglio 2014

Ma la dignità, dove l'avete persa?

Quello che vedo ogni giorno e che descrivo (o descriviamo) è uno sfacelo senza fine, dove tutto è, o sembra essere, lasciato al caso, all'improvvisazione del momento, non c'è alcuna programmazione, non c'è alcuna garanzia per gli utenti, solo “sofferenza” e disagio.

Tutto parte da un piccolo evento, di nessuna rilevanza storica, che mi è capitato ieri pomeriggio: fermata nei pressi di Piazza Fiume (abbastanza centro di Roma, credo), il primo autobus disponibile era a 13 minuti. 13 minuti?!

Come è possibile tutto ciò 13 minuti sono un'eternità su un viaggio medio come il mio che dura un'oretta. Il mio primo pensiero è rivolto ai gestori: “siete voi i responsabili di questa ennesima indegnità!”. Ma la dignità, dove l'avete persa? 

Questo non è più lavoro, è rispetto delle altre persone trattate come le bestie, ma lo sapete che gestite il trasporto pubblico a Roma, A ROMA!!! La città più bella del mondo! Siete capaci a reggere questo peso? Se si (e non lo fate) abbiate un moto di orgoglio un moto d'orgoglio e dite ad alta voce: “Cazzo, io gestisco il trasporto a Roma!

No questa è un'agonia senza fine...

Volete la verità? Eccola: La verità è che non funziona niente e quel poco che c'è è considerata terra di nessuno, ma come fate a far finta di non vedere? Qualche esempio: Avete le pellicole antigraffito e nessuno che pulisca i treni, le stazioni sono porcili indegni del terzo mondo, ma l'avete mai vista una stazione stazione della Metro di ROMA quando piove? Termini è un Suk e la Roma-Lido fa tenerezza quanto è messa male.
Mandate sti poveri cristi allo sbaraglio senza la minima protezione, mentre tollerate centinaia di imbucati e fancazzisti.
Li tollerate nel nome di cosa? Nel nome di chi? Dei sindacati? Per favore, siamo nel 2014.

Chissà se mai qualcuno avesse voglia di metterci la faccia nelle cose? E questa volta non parlo di Ignazio Marino, ma di un suo delegato...

Un altro esempio al volo, già che ero a Magliana: “per esempio sto cazzo de cestino,  sono mesi che sta così! Che serve un'interrogazione parlamentare per farlo sostituire?”

Mi sono seccato di essere prima trattato come un pezzente (aggiornamenti operativi da 8 mesi, tagli di linee di autobus come piovessero), poi ignorato come si fa coi bambini, solo che a differenza dei bambini,  io pago e molto. 
Sono 500 euro in famiglia e vi assicuro pesano maledettamente...

Noi dovremmo incazzarci per cose molto più gravi, non perché non riusciamo ad arrivare sereni a scuola o al lavoro...

Fine del sermone, andate in pace.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...