sabato 12 luglio 2014

Allora, Andrea...

Il 10 di luglio, sulla bacheca di Andrea Tassone, Presidente del X Municipio, appariva questo post:


Bene, benissimo! Ci sono solo alcune cose che mi permetto di suggerire, dal basso della mia miserrima posizione (vivendo da anni sotto un treno).

I gufi lasciamoli a chi ne ha il copyright, perchè in questo caso sono un pò fuori luogo.

Se si fa un'opera buona per la situazione della Roma-Lido, credo nessun pendolare di Casal Bernocchi o Centro Giano (perchè il parcheggio serve quella stazione) speri che vada male per il puro gusto di vederla fallire.

Ritengo che, se qualcuno ci fosse, sarebbe una persona misera a sperare di campare peggio, e gioire del suo fallimento; un moderno Tafazi. Da queste persone non ha avuto il voto e, si rassegni, non lo avrà mai se ragionano così.

Se invece si riferisce a problemi interni di maggioranza ed opposizione, finte o vere che siano, la prego, ci lasci fuori. Noi non siamo tifosi, siamo pendolari, ma purtroppo qualcuno lo dimentica. Ricordaglielo è un suo preciso dovere, fomentarlo no.

La seconda notazione è molto più pratica: dato che il parcheggio è ancora da fare la pregherei di far in modo che non si facciano gli errori che sono stati fatti al parcheggio della Stazione di Acilia, ne mostro qui uno ad esempio:



Questo non è un errore di programmazione o di progetto, è solo una cialtronata, per gli errori di progettazione possiamo parlare dell'accesso.

Colgo inoltre l'occasione per segnalarle la situazione del suddetto parcheggio, mi spiace non avere foto recenti, ma le transenne sono ancora lì, solo l'erba è un bel pò più alta, diciamo a livello savana.

Le chiederei di informarsi sulla situazione e se fosse possibile togliere la recinzione e far tagliare l'erba, prima che qualche leone lo trovi un habitat perfetto.



Ribadisco: entrambe tifiamo perchè lei riesca negli obiettivi del suo programma, perchè se lei li raggiunge, io campo meglio.

Saluti e buon lavoro

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.

.