mercoledì 12 marzo 2014

#MetroB: La grande lentezza

Volete sapere perchè la Metro B va così lenta? Ecco a voi la spiegazione Tecnica di @TreninoGiallo: Anche i meno esperti sanno che per tenere saldi i binari è necessario che siano fissati con delle traversine  - le vibrazioni continue hanno crepato alcune traversine - Limite a 5km/h - Non sarà una riparazione velocissima
 




 
Da Laurentina a Fermi con "La grande lentezza"
 
Da qualche giorno a questa parte molti pendolari hanno notato che la metro B impiega anche più di un quarto d’ora per percorrere il tratto che va da Laurentina a Eur Fermi. Il motivo di tale rallentamento che Atac dichiara essere una manutenzione generica in realtà è ben diverso.
 
Poiché non si può proprio credere che ci siano operai che lavorano in galleria mentre la linea è attiva, ho fatto qualche indagine e con gran stupore ho appreso quanto segue.
 
Anche i meno esperti sanno che per tenere saldi i binari senza che si allarghino è necessario che siano fissati a terra con delle traversine.
 
Queste possono essere fatte di materiali diversi, come in legno o in cemento armato: in particolare le traversine tra Laurentina e Fermi sono formate da blocchetti di cemento.
 
Poiché le vibrazioni causate dal passaggio continuo dei treni hanno crepato alcune traversine vige ora la prescrizione per i macchinisti di limitare la velocità massima nel tratto incriminato a 15 km/h. Prescrizione che è divenuta più ferrea in quanto l’aggravarsi della situazione ha imposto la riduzione della velocità massima a 5 km/h.
 
Ecco quindi spiegato perché da Laurentina a Eur Fermi i treni ci mettono anche un quarto d’ora.
 
Tutto ciò va a ripercuotersi sulla regolarità dell'intero servizio in quanto se da una parte l'afflusso di treni a capolinea (Fermi ---> Laurentina) risulta normale, il deflusso (Laurentina --> Fermi) rallentato crea una disuguaglianza di treni. Ben presto i tre tronchini di manovra a Laurentina vengono occupati dai rotabili ed è necessario impedire l'accesso ad ulteriori convogli che rimangono fermi alle stazioni precedenti (Fermi - Palasport - Magliana).
 
Purtroppo situazioni del genere non si risolvono in poco tempo: è necessario sganciare il fascio di binari dai blocchetti crepati, sollevare le rotaie mentre si sostituiscono le traverse e infine rimettere i binari in sede rincalzandoli con apposite macchine. Si può intuire che la procedura è molto complessa e non frazionabile in più fasi. Fino a quando l’Atac non deciderà di sostituire le traverse i treni continueranno ad andare a passo d’uomo con il rischio che sotto il treno i binari cedano.
 
L’ennesimo esempio di come una regolare e programmata manutenzione potrebbe evitarci certi disagi e rischi.

Nessun commento :

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

.

.